MIA15 - Vincitore   La libertà non è gratis: sostieni questo progetto contribuendo ad a/simmetrie.
Puoi anche destinarci il 5x1000 (CF 97758590588): non ti costa nulla, e qui ti spieghiamo come fare.

lunedì 3 luglio 2017

Sossoddisfazzioni...

Ieri sera ero qui:


in compagnia dei miei colleghi:


per suonare musica sua:


Dopo la prova, mentre ci cambiavamo, si parlava di cattedre di conservatorio: Tizio è andato lì, chi insegna violino là?, ma Caio sta ancora lì...

A un certo punto il nostro primo oboe, che è soprattutto il primo oboe di S. Cecilia (nun se famo mancà gnente), mi chiede: "E tu dove insegni?"

E io: "A Pescara". 

E lui: "Ma non c'è più Pietro?"

E io: "Certo, è il mio maestro: ci ho fatto la specialistica."

E lui: "Ma...".

E io: "No, è che io ho una vita complicata: in realtà insegno politica economica... non al conservatorio...".

E ho spiegato brevemente la situazione. 

Quindi, se uno ha la fortuna di non conoscermi, non si accorge che la mia vita non è fatta di quel pane che solum è mio, ma di cose delle quali me ne frega il giusto, come quella nella quale mi trovo carcerato oggi:


Non c'è che dire: sossoddisfazzioni! Certo, a mano a mano che divento conosciuto, aumenta il rischio che qualcuno mi indirizzi le rime del Foscolo:

VI CONTRO URBANO LAMPREDI 

Dimmi tu, che pur sei mezzo algebrista, 
Come avvien questo? Tu se' mezzo critico, 
Mezzo sacro dottor, mezzo ellenista, 
Mezzo spartano, mezzo sibaritico, 
Mezzo poeta, mezzo freddurista, 
Mezzo frate, mezz'uom, mezzo politico: - 
Come, in tante metà, nulla è d'intero? 
Come, tutte sommate, fanno zero?

(...con buona pace del Gaddus, quando si incazzava non era male...)

Essere un uomo a somma nulla... sarà la SStoria a dirlo (se va bene, in una footnote). Intanto, tutto quello che faccio son costretto a farlo bene. E questo convegno non è venuto poi così male... ma al concerto ho goduto di più! Un conto è essere parte di una cosa eterna e viva, un conto intervenire in un dibattito nato morto...





(...e ora Marcello mi chiama al tavolo dei relatori: è finita la pace... scrivere glosse al Timeo per gli stipendi di nessuno...)

(...accanto a Munchau...)

(...da domani in viaggio con Uga...)


57 commenti:

  1. Vivissimi complimenti, soddisfazioni meritate :)
    Bellissima anche la citazione di Foscolo.
    A proposito, un giorno, per trasparenza dovrà raccontarci del patto che ha fatto con il diavolo (non la BCE o il FMI: quello vero!) per ottenere giornate di 96 ore (stima per difetto).

    Saluti cordiali

    RispondiElimina
  2. Qualcuno disse che lei non è veracemente uno, ma veracemente due... Altro che somma zero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto contento di essere superbo. Fra le due cose che possono salvarti dall'invidia (la superbia e la morte) preferisco la prima, senza augurare agli altri la seconda.

      Elimina
    2. Per fortuna gli altri invidiano o muoiono (morte civile, per carità - l'altra tocca quando tocca).

      Se l'immagina, sennò, un mondo di soli superbi?

      Sarebbe come la fola del "tutti esportatori netti".
      Faccia il tedesco, Prof., li costringa ad importare, che se lo meritano, questi davvero ("non sanno governarsi").
      Oppure si svalutino.

      Noi, intanto, godiamo proiettivamente dei suoi successi (è una specie di invidia ad acredine zero).

      Chapeau (il T9 correggeva in CHATEAU: sarà un segno).

      Elimina
    3. Io mi trovo a gioire leggendo questo post e ne traggo coraggio per fare al meglio tutte le mie mezze attività ;) :D

      Per quanto riguarda l'invidia la prova solo chi non è sincero con se stesso e non ha avuto ancora il coraggio o la possibilità di capire quello che vuole e desidera veramente. Percio' si volge a destra e sinistra per guardare gli altri e desiderare quello che desiderano o hanno gli altri. Quando uno sente nel suo cuore ciò che vuole allora si dedica con passione a quello e si adopera per per ottenerlo, allora NON INVIDIA più nessuno. Buon viaggio Maestro.

      Elimina
  3. Si non era male, eppure...

    Eppure, stava a rimuginare lo zio, eppure... spèta ôn momênt... Il più e il non, non meno o non più del non e del più, non sono separabili in proposizione negativa, a opera di interposto soggetto della proposizione stessa, mentre sono separabili, spêta... a opera del verbo... La legge stenterellava a uscir fuori. «Ma no! Nel caso del più, prima, e del non, dopo, guarda ôn pô, non sono separabili... nemmeno per opera del verbo!» Tantoché si può dire «il Sole non più fecondi», o anche «il Sole non fecondi più», la sperata legge ecco ecco ecco gli pareva lì lì per germogliare nella primavera, ma non si può dire in nessun caso, a non voler suscitare di mille secoli il cachinno, «il Sole più fecondi non», e, cioè né, «il Sole fecondi più non»: e nemmeno beninteso, con che la legge finiva per ingarbugliarsi del tutto, «il più Sole fecondi non», o anche, cioè tanto più ovverossia tanto meno, secondo è data licenza ossia licenza è data alla lira, d’un gran Lirone però sol, «il Sol mi fa fa re la do si do – la re fa fa la mi fa re – no no si si fa fa do Sol»...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ca..o hai bevuto, dai dimmelo...forte...

      Elimina
    2. Vedi che se lo meritano, l'euro?

      Elimina
    3. Come sarebbe, non era male?
      "Mi dicono che era anche greco, proprio come gli antichi greci: e con uno sguardo lampeggiante, come quello di Talmone (...) Che dicevo? Ah: che aveva un occhio così vivo, così penetrante, e parlava così bene, cioè con tanto calore e con tanta competenza, che tutti quelli che lo sentivano restavano affascinati..." (e se lo dice donna Clorinda Frinelli, con la sua voce femminile intonata a gentilezza - e ai lapsum - come non crederle? Sembra addirittura che parli del prof, mica del Niccolò Ughetto nostro! E d'altra parte tutti quelli con lo spirto guerrier ch'entro gli rugge devono un po' assomigliarsi...)

      Elimina
    4. "Vedi che se lo meritano, l'euro?"

      Averlo un euro...anche due.

      Ps: siete troppo oltre per me...mi fermo qui.

      Elimina
  4. Se non ci fosse stata anche la musica, Alberto non poteva reggere. Grazie per renderci partecipi dei tuoi momenti, migliori. Non rovinerò questa bella cosa parlando dei miseri che ci circondano.

    RispondiElimina
  5. Prof, con Di Maio accanto, che sfiga!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.... la foto al tg era davvero impoetosa

      Elimina
    2. Secondo me, l'insistenza della ripresa del tiggì con la paroletta scambiata tra lei e Di Maio è stata un po' perfida

      Elimina
    3. bene così anzi più che bene ;)

      Elimina
  6. Bello rivederti, molto contenta. Tu e Marcello sareste un bel mix letale... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre io e Claudio siamo ecc. Che volemo fà?

      Elimina
    2. Mah, troppo tardi, un Marcello c'è già. Quello di destra, quello di asimmetrie: Marcello Foa.
      Poi si fa confusione...

      Elimina
    3. oltre a rivedere, occorre immaginare un bel futuro e far in modo che si concretizzi ... forza con atti concreti e basta tentennamenti cara Debora senza H

      Elimina
  7. Prima stavo pensando: "ho letto che Grillo ha detto che ci saranno grossissime sorprese sull'euro durante una riunione sul tema..ma ho letto pure che fa tutto MINENNA e questo non prelude a niente di buono (nel senso di anti euro)..chissà se ci fosse stato il prof Bagnai"...arrivo qua due minuti fa per vedere se ne era a conoscenza e leggo questo suo pezzo....vedo lo stemma della Camera (dove conferii pure io su euro e neoliberismo) e dico "vuoi vedere che...". Professore mi dica che lei era là la prego!

    RispondiElimina
  8. Debora so che fa parte del team di Grillo. Io ho presentato con voi in Sala Tatarella il 25/3/2016 mio libro contro l'euro con prefazione di due Deputati che erano presenti, della Professoressa Variato e di un Europarlamentare. A gennaio cioè pochi mesi dopo mi avete fatto proprio un bello scherzetto e ho dovuto fare una scelta: uscire dal M5s o tradire me stesso; io ho una faccia sola. Mi auguro che questo Suo commento preluda ad una collaborazione SERIA col Professore (che visito una volta ogni tanto e caso ha voluto leggessi proprio stasera) e magari anche con la stessa Anna Maria Variato loro due insieme sì che sarebbero micidiali. Stare nella moneta unica è incompatibile con chi chiede la fine dell'asuterity mi auguro la si smetti di "politicare a vista". Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laggente non capiscono. Gli spieghi nel 2012 come stanno le cose, vanno a sbattere nel 2016, e vengono qui a rosicare nel 2017! E voi volete fare er partito con questa constituency? Uniti si perde!

      Elimina
    2. "la si smetti"

      Nel giorno della scomparsa di Fantozzi un omaggio al mitico rag. Filini ci voleva proprio ...

      Elimina
    3. Per i tecnici, non sarebbe una cattiva idea iniziare da l'equestioni tecniche (piripippipì!).

      Ma per fortuna, che l'Euro ha problema strutturale, ci hanno finalmente arrivati anche i 5S.

      Un'ottima mossa per avere il mio voto. Meglio t'ardi che m'hai.

      Elimina
    4. Errata corrige:"La si smetta".
      Spero Professore abbia dato per scontato che è stato "un errore di svista" (cito il Prof. Mariotti di Educazione Tecnica alle medie Pistelli di Camaiore).
      I grillini di tutta la Versilia (in particolare Viareggio) dopo anni di pseudo anti-euro hanno fatto di tutto per censurare il mio saggio; sa ci sono molte Case Editrici in giro (e dinamiche di Assemblea = potere = miseria umana). In casa mia mi devo vergognare a parlarne (perché "tanto non ti serve per mangiare"). Il Comune di Camaiore dove amministra il più renziano d'Italia dopo Nardella, non si è degnato nemmeno di comprarne una copia. Ma perché ne parlo se ho rinunciato anche ai due euro che ci prendevo a copia pur di abbassarne il prezzo e diffondere il mio modestissimo verbo (di non economista)?
      Perché io professore andai a Roma per spiegare ciò che dice lei! Ma non è servito! Un bel segno della croce! In nome del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo, ALDE.
      Dopo quella ferita c'è solo una soluzione per ricrederci.
      Lo vede? Lei è rispettato (ci mancherebbe altro ha la cazzimme) ma il delegato anziché agire in tale guisa, con i "complimenti", non sarebbe meglio esprimesse un chiaro intento? Un accordo SERIO CON LEI? Sanno cosa intendo...lei = No euro. E dopo si tira per quella linea costi quel che costi.
      Il M5s si sta afflosciando!
      Io me ne andai prospettando quanto segue: io me ne vado e con me quelli (pochissimi) che ci credevano, "quelli che" hanno transaminasi alte. Saremo sostituiti in un primo momento da una moltitudine di bonzi "quelli che" dopo un mese di M5s dicono che il Giannini (5 anni di M5s) è un venduto (perché coerente). Lo "share elettorale" salirà in un primo momento (32%) grazie ai bonzi. Bonzi come nel mio Comune, spesso ex DC. Gente che non dice "io sono 5 stelle" ma "io sono del Movimento"..frase che indica chi col 5 stelle non ci incastra un fico secco ! Questi vengono con la piena ma sono i primi a scappare...e il livello medio si abbassa. Previdi l'afflosciamento finale e mi auguro che Grillo non stia, al solito, agendo "a vista" invitando Bagnai...a non tutti sfugge che Di Maio dotato di vestitino alza il sopracciglio ma non ci capisce una mazza ferrata.
      Un Consigliere Regionale quando seppe dove ero stato si avvicinò tutto emozionato prospettandomi una bella presentazione al Consiglio; poi si è informato sul fatto che fossi comunque un "cane sciolto" e si dileguò. Questo è il M5s!
      Io vivo in trincea da una vita "umiliato" (ma uno lo è se ci si sente, se perde la parte sana dell'orgoglio e non è il mio caso) anche dal contadino tanto affezionato alla moneta delle banche (o dovrei dire dei "mercati" per sentirmi importante, vero Ruocco?).
      Non è servito a nulla spiegarglielo.
      Adesso se vogliono accomodarsi alzino la cornetta Professore e la chiamino!
      Dopo il primo commento ho subito cercato in rete e lei era proprio là: ecco! Grillo ha promesso cose straordinarie sull'euro: ce ne è solo una madama la marchesa. Lei Ministro.
      Ha ragione Grillo a volere il vincolo di mandato infatti io, se fossi stato Deputato, mi sarei dimesso dopo una stronzata del genere (ALDE).
      Lei sarebbe, obtorto collo, l'unica mia/nostra garanzia per ricrederci.

      PS:
      Ogni tanto mi imbatto su "le teorie di Bagnai". Teorie un corno.

      Elimina
    5. Hai ragione Yanez ma la tua osservazione su Fantozzi è stata pubblicata dal Prof. successivamente alla "stesura" della mia "Errata Corrige".
      Quindi dai, mi ero corretto!
      Del resto scrivo spesso in orari assurdi, anche parecchio incavolato e "a getto" senza rileggere.
      Pardon di nuovo.
      Tornando al tema Repubblica riporta "le posizioni sono opposte". Credo lo abbia dichiarato Di Maio.
      E se ne sono accorti ora?
      O di qua o di là.
      La scelta dovrebbe essere fatta negli interessi degli italiani e non finalizzata al consenso del momento.

      Elimina
    6. @Dargen
      Han forse detto che vogliono uscire o anche solo che potrebbero prendere in remota considerazione l'ipotesi?
      Non mi pare, ambigui e fumosi come sono soliti essere riguardo l'€., nonostante l'iniziativa del dibattito sul debito di lunedì.

      Elimina
    7. Mettetevi in testa che pietruzzo legge attentamente questo blog e già vi avevo avvertiti.
      È una sicurezza!

      Elimina
  9. Gli strani casi della vita hanno voluto che una delle tue colleghe musiciste fosse anche una mia cara amica, così ieri sono inciampata nel vostro bellissimo concerto dove ho potuto apprezzare l’altro Bagnai, il musicista di musica barocca.
    Devo dirlo, non c’è confronto. Impossibile per me riconoscere nel musicista che aveva un sorriso felice stampato sul viso mentre si inchinava all’applauso finale del pubblico, l’austero economista sempre col ciglio severo e il tono sicuro e determinato, o lo scrittore che usa le parole come un bisturi per vivisezionare interi capitoli delle infinite tragedie che ci stanno stritolando.
    Però devo dirti che seppure l’economista mi intimidisce così tanto che di fronte a lui so solo balbettare scemenze monosillabe, al contrario del musicista che mi mette completamente a mio agio fino a riuscire a commuovermi, sono egoisticamente contenta che tu abbia scelto la prima strada come professione e la seconda come passione.
    Anche se forse a questo punto posso pensare che senza la passione del musicista, l’economista sarebbe stato uno dei tanti che, pur avendo capito, sarebbe rimasto sui suoi libri a studiare e a scrivere, ma non sarebbe sceso a mostrarci come e perché ci stanno massacrando, dandoci così la possibilità di non morire chiusi nella caverna in cui questo sballato sistema ci ha imprigionato ripetendo fino allo sfinimento che lì fuori non c’è niente.

    RispondiElimina
  10. E belle grandi...so'ppropriossoddisfazzzioni.

    RispondiElimina
  11. Sul blog di Grillo c'è il video del convegno di ieri. Purtroppo, manca il suo intervento che invece ho trovato su youtube:

    https://www.youtube.com/watch?v=YRr2ImB7kMM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Purtroppo"? Purtroppissimo! (cit.)

      Elimina
    2. Grazie. Purtroppissimo la traduttrice, pessima, ha saltato un mare di cose (si percepisce benissimo). Chi non è passato dal blog, sia lì che fuori si perderà molto! Bisogna rivederlo in qualche modo!

      Elimina
  12. La SStoria la scrive sempre chi vince...

    Però non capisco: perché si ritiene a somma nulla? Sarebbe stato diverso se avesse suonato all'oratorio dietro casa? O avesse parlato ad un comune gruppo di cittadini come fa spesso invece che alla camera dei deputati?

    Importante è fare bene ciò che si fa come giustamente scrive, in special modo ciò che si ama fare per passione. Non so perché si sente costretto, spero possa farlo in modo sereno in futuro.

    La passione...

    https://www.youtube.com/watch?v=RUxhThMOJxk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro, chi decide se hai fatto bene? Tu, o il mercato? Un disco che non si vende (o addirittura non si incide), un vino che non si beve, un libro che non si legge, un formaggio che non si mangia... possono anche essere fatti bene nelle intenzioni del loro autore, ma non lo sono nei risultati. La qualità non è una vocazione. Mi ricordo sempre le parole di Giordano Antonelli che, quando ancora parlavamo, scherzava con me sul piacere di far musica dei dilettanti che, diceva, è "il piacere di farla male"...

      Elimina
    2. @Prof, personalmente non credo sia sempre così. Il mercato è affollato, aggressivo e spesso anche truccato. Spesso mi sono chiesto quanta musica, libri, scoperte scientifiche o perfino formaggi ci siamo persi perchè magari il suo autore era incapace di "venderle", anche in senso lato, o magari perchè altri interessi in gioco l'hanno represso.
      Ho omesso il vino perchè grazie a Dio quello gira sempre :)
      Comunque sto solo speculando un po' OT: nel suo caso ha smosso molto dal mio punto di vista, e sono sicuro che a futuro lo farà ancora di più, nonostante un "mercato" dell'informazione molto chiuso.

      PS: A settembre avrà un lettore in più; finalmente riuscirò ad andare in vacanza in Italia dopo due anni ed avrò il piacere di poter comprare e leggere i suoi libri :)

      Saluti cordiali

      Elimina
    3. Parlando in generale un "prodotto" puo' "funzionare" benissimo se chi lo vende controlla la distribuzione e decide di imporlo escludendone altri, e fare allo stesso tempo semplicemente schifo dal punto di vista del prodotto medesimo. Negli ultimi dieci-quindici anni la qualità si è degradata in modo eclatante.

      Esempi terra terra: la GDO alimentare, bio incluso, i negozi di abbigliamento, grandi catene e non solo, tutti i prodotti per casa e ufficio ecc. Ma pure i cinema, le edicole, gli alberghi (o i media per riallacciarsi a un discorso affrontato spesso qui)... Si schiaccia il prodotto medio su quello infimo serbando piccolissimi spazi sconosciuti ai più e difficili da reperire per i consumi di alta gamma che viaggiano in modo completamente parallelo (polarizzazione che rispecchia i discorsi fatti qui).

      Ovviamente tutto fatto molto bene per garantire a chi vende, ancor più che a chi produce, i migliori profitti (o consensi), da quel punto di vista li' certo funziona non bene, benissimo. Fino al punto di impedire la comprensione di cosa si consuma.

      Elimina
  13. Il senso di stupore di eurointelligence per la consapevolezza italiana (semicit.)
    La caduta dal pero di Munchau e co. dimostra che sono tanto euro e poca intelligence
    http://vocidallestero.it/2017/07/04/eurointelligence-in-italia-il-dibattito-sulleuro-e-ormai-aperto/

    Meanwhile, sul FT
    https://www.ft.com/content/e54751b2-6008-11e7-8814-0ac7eb84e5f1

    RispondiElimina
  14. Certo, capisco. Ha ragione nel definire la qualità in quel modo.

    È anche vero che si possono raggiungere risultati non soddisfacenti pur avendo a disposizione un ottimo prodotto se qualcosa a livello di promozione non ha funzionato.

    Comunque ho realizzato che la mia domanda è stata frutto di una mia proiezione, sulla questione del giudizio altrui ci sto ancora lavorando.


    La ringrazio per la risposta, come sempre, e per il suo spirito da educatore.

    RispondiElimina
  15. Caro, chi decide se hai fatto bene?
    ----
    La Commissione UE

    RispondiElimina
  16. Professore ma si può consultare da qualche parte il suo intervento?

    RispondiElimina
  17. Anche ZH parla del lavoro di un oscuro professore di provincia e di una tal Brigitte.......

    http://www.zerohedge.com/news/2017-07-05/italy-openly-discusses-euro-exit-parliament-debt-restructuring-or-italeave-way

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ZH ripubblica regolarmente da Mish Talk.....

      Elimina
  18. Ieri sera

    Marghe: “Papà ma chi è questa ?”
    Questa? Mah, è lunga da spiegare e tu ora devi andare a dormire. Ma di sicuro questa è la tua nemica personale, ecco, per ora ti basti di sapere che questa la devi considerare la tua nemica personale. Vai a letto che domani ti spiego.

    Dall’altra stanza mia moglie: “Ma chi è? La Bonino? Ma, ma…”

    Oggi Marghe tornerà alla carica con le sue domande e spiegarle chi sia la Bonino non sarà particolarmente difficile. Il problema sarà rispondere all’ultima: ma perché?

    Del resto anch’io stento a trovare il motivo che spinge gente come la Bonino a pianificare e perpetrare un’aggressione così lucida ai diritti acquisiti di un popolo. Non afferro il motivo per cui invece di esportare un modello sociale invidiabile come quello italiano nei paesi più bisognosi si utilizzino i bisognosi per scardinare il medesimo?

    A me vengono in mente solo cattivi pensieri. Comunque sia questi sono solo attori: i registi sono ben altri. Forse nelle parole di Giordano Antonelli citate da lei recentemente si cela un po’ di verità: “…scherzava con me sul piacere di far musica dei dilettanti che, diceva, è "il piacere di farla male"...”

    Voglio essere magnanimo e pensare che forse i professionisti del male sono solo dei dilettanti del bene .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A un certo punto, dopo il 68,abbiamo generato una stirpe di intellettuali e politici che hanno odiato la propria civilta'.

      Elimina
  19. Risposte
    1. Era il concerto del giorno prima.

      Elimina
    2. I musici sempre a strasciconi!

      Elimina
  20. Volevo segnalare uno dei tanti episodi di corruzzzione/truffa in Ciiiina. E viene da chiedere al piddinos: "Ma come faranno a crescere visto che c'hanno pure loro tanta corruzione?"

    RispondiElimina
  21. Minenna ovunque.
    Sentito questa sera a Zapping (RaiRadio1) dire cose condivisibili già sentite qui e qui.
    Anche alla Fiom ha parlato di proposte aggiustative "a trattati invariati" (per non spaventare i mercati) che però vanno fatte accettare anche ai tedeschi (e qui mi pare abbia presente la difficoltà).
    Insomma non parla di uscita dall'euro, ma quello che propone mi pare abbastanza incisivo.
    Non l'ho sentito parlare del cosa fare nel caso (ad oggi certo) dicano di no, sarebbe interessante chiederglielo: dovesse diventare ministro dell'economia dei 5S dovrà pensarci.

    RispondiElimina
  22. OT (e QED) - addendum

    I sondaggi devone essere veramente pessimi per il governo.

    1) Non si parla piu' di legge elettorale (maggioritaria);

    2) Lo "iuslaqualunquis" si sta apparentemente arenando (si e' capito che, vedi analisi di Orizzonte48, i previsti naturalizzandi, vittime della deflazione anche loro, normodotati in termini di percezione della propria condizione reale e delle proprie prospettive future, senza anelli al naso e senza sveglia al collo, comunque non voterebbero il governo).

    3) Si e' messa la sordina all'APE social "2.0" (quello cioe' gratuito, che permetterebbe di annullare parzialmente gli effetti della odiatissima legge Fornero): si e' infatti sfidato varando l'APE il parere contrario della Germania, pensando di ricavarne un vantaggio elettorale ma, siccome sono gia' giunte troppe domande, i fondi 2017/2018 non bastano e si dovranno fare delle graduatorie che, scontentando i piu'.....

    4) Da oggi i clandestini andranno "aiutati a casa loro".

    Ormai devono trovare una scusa per non farci votare piu'.
    La propaganda non funziona piu'.

    RispondiElimina

Tutti i commenti sono soggetti a moderazione.